skip to Main Content

Trump fra Cina e Hong Kong. Il Taccuino estero di Orioles

In primo piano nel Taccuino Estero di questa settimana, lo sbloccarsi dei colloqui commerciali tra Usa e Cina che, abbandonato l’approccio del tutto e subito, si accontentano della “fase 1” di un accordo per ora solo verbale ma condito da acquisti multimiliardari di beni agricoli. Nella sezione “notizie dal mondo”,  la decisione di Apple di rimuovere una app invisa a Pechino e di far scomparire dagli Iphone venduti a Hong Kong l’emoji con la bandiera di Taiwan…

Leggi tutto →

Il G7 di Biarritz, l’Isis e i rapporti tesi Cina-Hong Kong. Il Taccuino estero di Orioles

In primo piano nel quarto numero della Summer Edition del Taccuino Estero, l’improvvisa apparizione al G7 di Biarritz del ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif. Nella sezione “notizie dal mondo”, l’Isis che rialza la testa in Siria ed Iraq, le spregiudicate operazioni social di Pechino volte a screditare le proteste a Hong Kong, il porto che il Qatar vuole costruire in Somalia.

Leggi tutto →

La guerra delle petroliere nello Stretto di Hormuz spiegata da Ahmad Rafat. Il Taccuino di Orioles

In Primo Piano nel Taccuino Estero di questa settimana, la guerra delle petroliere nello Stretto di Hormuz analizzata dal giornalista italo-iraniano Ahmad Rafat. Nella sezione “Notizie dal mondo”, la dichiarazione firmata anche dall’Italia che chiede un immediato cessate il fuoco in Libia, lo scambio di prigionieri tra Ucraina e Russia, l’Argentina che designa Hezbollah come organizzazione terroristica, le dure parole di Pence e Pompeo sulla persecuzione dei musulmani nello Xinjiang. 

Leggi tutto →

Che cosa combina la Cina tra Hong Kong e Xinjiang

In Primo Piano, le proteste a Hong Kong e la (mancata) reazione di Pechino nell’analisi del direttore del Cesi, Gabriele Iacovino. Nella sezione “Notizie dal mondo”, la guerra delle lettere all’Onu sullo Xinjiang; la prima telefonata tra Putin e il nuovo presidente ucraino Zelens’kyj; i rinforzi che Gran Bretagna e Francia (ma non la Germania) invieranno in Siria su richiesta degli Usa; la nascita della “provincia” turca del califfato.

Leggi tutto →
Back To Top

Iscriviti Alla Newsletter

Iscriviti per ricevere gli articoli e le ultime notizie

Grazie per esserti iscritto

Something went wrong.

Iscriviti Alla Newsletter

Iscriviti per ricevere gli articoli e le ultime notizie

Grazie per esserti iscritto

Something went wrong.