skip to Main Content

La guerra delle petroliere nello Stretto di Hormuz spiegata da Ahmad Rafat. Il Taccuino di Orioles

In Primo Piano nel Taccuino Estero di questa settimana, la guerra delle petroliere nello Stretto di Hormuz analizzata dal giornalista italo-iraniano Ahmad Rafat. Nella sezione “Notizie dal mondo”, la dichiarazione firmata anche dall’Italia che chiede un immediato cessate il fuoco in Libia, lo scambio di prigionieri tra Ucraina e Russia, l’Argentina che designa Hezbollah come organizzazione terroristica, le dure parole di Pence e Pompeo sulla persecuzione dei musulmani nello Xinjiang. 

Leggi tutto →

Usa, Turchia, Ucraina e Pakistan. Il Taccuino di Orioles

In primo piano nel Taccuino Estero”di questa settimana, l’ultimatum degli Usa alla Turchia sul sistema di difesa anti-aerea russo S-400. Nella sezione “Notizie dal mondo”, l’insediamento del nuovo presidente ucraino Zelenskiy, lo stop del Pakistan al gasdotto dall’Iran, le operazioni della marina Usa nel Mar Cinese Meridionale e nello stretto di Taiwan, il radicamento di al Qaida e dell’Isis in Afghanistan. Le “Segnalazioni” sono dedicate alla guerra fredda tecnologica Usa-Cina. Il Taccuino Estero è l’appuntamento settimanale di Policy Maker a cura di Marco Orioles con i grandi eventi e i protagonisti della politica internazionale, online ogni lunedì mattina

Leggi tutto →

“La terza guerra mondiale a pezzi”: il pianeta tra incerti equilibri e nuove angosce

Gli storici del futuro dedicheranno molto tempo e notevoli sforzi al tentativo di ricostruire e contestualizzare gli ultimi cinque anni vissuti pericolosamente dal nostro pianeta. Gli accadimenti verificatisi in questo torno di tempo sono senz’altro rubricabili sotto la categoria dell’eccezionalità.…

Leggi tutto →
Back To Top

Iscriviti Alla Newsletter

Iscriviti per ricevere gli articoli e le ultime notizie

Grazie per esserti iscritto

Something went wrong.

Iscriviti Alla Newsletter

Iscriviti per ricevere gli articoli e le ultime notizie

Grazie per esserti iscritto

Something went wrong.