Rassegna stampa

Il Piccolo
Sabato 18 novembre 2017
Il Piccolo
Domenica 5 novembre 2017
Il Friuli
Venerdì 3 novembre 2017
Messaggero Veneto
Venerdì 3 novembre 2017
Messaggero Veneto
Mercoledì 1 novembre 2017

Ultimi articoli

Un network per distruggere l’ISIS featured image
Martedì 29 marzo 2016

“Ci vuole un network per sconfiggere un network”. Lo slogan è del generale Stanley Mcchrystal, che 10 anni fa si occupò di ridurre ai minimi termini lo Stato islamico quando era ancora un movimento stragista iracheno. Ora che IS si è trasformato in un network con...

Non dimentichiamo perché ci sono i profughi featured image
Sabato 12 marzo 2016

Lo spettacolo dei profughi siriani bloccati alle porte di un’Europa trasformatasi in barriera invalicabile suscita non pochi interrogativi. I Paesi europei, si sostiene, si trincerano dietro biechi sentimenti nazionalistici e ignorano quegli obblighi internazionali che costringerebbero ad accogliere chi fugge dalla guerra. Pur non mancando di...

La banalità del terrore featured image
Venerdì 11 marzo 2016

Pochi giorni fa, l’intelligence tedesca è entrata in possesso di una documentazione formidabile sui combattenti dello Stato islamico. Si tratta di 22.000 schede di adesione al gruppo jihadista. Risalgono ad un periodo compreso tra il 2013 e il 2014 e sono state compilate dalle autorità di...

Il fondamentalismo si nutre dell’antagonismo all’Occidente featured image
Martedì 23 febbraio 2016

Che il fondamentalismo islamico sia una reazione alla modernità e soprattutto alla sua versione occidentale è cosa nota. Questa constatazione ci aiuta ad interpretare la condotta di molti musulmani di casa nostra, che sono ossessionati dalla necessità di distinguersi da noi, considerati “miscredenti”, e desiderano dunque...

La nuova Monaco featured image
Domenica 14 febbraio 2016

Manca meno di un anno al tramonto dell’era Obama ma la luce è già cupa. Le scelte di politica estera del presidente smentiscono platealmente lo slogan con cui si era imposto in campagna elettorale: “Yes, we can”. L’enigmatica dottrina Obama si è trasformata nella ricetta del...

Giulio Regeni e l’Egitto featured image
Giovedì 4 febbraio 2016

Divulgo qui il mio commento che non è stato pubblicato dal Messaggero Veneto oggi a causa del ritrovamento, ieri sera, del corpo di Giulio Regeni. Sulla sorte di Giulio Regeni c’è per ora un’unica certezza: il giovane si è trovato impigliato in un Paese lacerato dall’esito fallimentare...

L’attentato di Damasco featured image
Martedì 2 febbraio 2016

L’ attentato di domenica 30 gennaio a Damasco conferma ciò che sanno anche i sassi, ossia che la strada per la pace in Siria è tutta in salita. L’attacco è stato triplice: un’autobomba prima e due kamikaze poi, tecnica ampiamente rodata che serve a massimizzare gli effetti...

L’Iran e l’identità velata featured image
Mercoledì 27 gennaio 2016

L’Italia è divenuta una barzelletta mondiale a causa delle statue velate in Campidoglio dinanzi all’ospite venuto dalla Repubblica islamica . La stampa e l’opinione pubblica globale, giustamente, ritengono grottesca e umiliante la nostra scelta di piegarci ai diktat del protocollo iraniano, refrattario a rispettare le culture...

Il problema della Serracchiani e dell’Iran featured image
Lunedì 18 gennaio 2016

Vorrei esprimere qui quale sia, a mio avviso, il nucleo del problema della visita del presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, in Iran . Che non è essersi messa il velo e l’aver ottemperato così ad una legge iniqua, cosa che, in caso contrario, avrebbe...

Io ero Charlie featured image
Giovedì 7 gennaio 2016

  Questa sera all’auditorium di Pasian di Prato (Udine) interpreterò il ruolo del direttore di Charlie Hebdo, Stéphane Charbonnier, nello spettacolo ideato e scritto da me: “Io ero Charlie. Monologo dall’oltretomba del direttore di Charlie Hebdo“. È il modo che ho scelto per ricordare, a un...

Ultimi video

Ospite della trasmissione “Elettroshock”

Sabato 08 aprile 2017

Ospiti, alla trasmissione “Elettroshock” di Telefriuli, due esponenti della comunità islamica di Udine, Marco Orioles, il presidente dell’associazione Neda Day, Taher Djafarizad, ed Ettore Ribaudo. Interviene telefonicamente Magdi Cristiano Allam.

Il caso Regeni e l’Egitto: che fare?

Giovedì 09 marzo 2017

Nell’intervista alla webtv del Messaggero Veneto, ho ribadito quanto scritto nel mio corsivo di martedì: occorre riportare l’ambasciatore in Egitto.

A confronto col mediatore libico Ashraf

Sabato 27 febbraio 2016

Il mediatore Ashraf Sha, componente del tavolo di Skhirat (Marocco) per la formazione di un governo libico di unità nazionale, discute con il sociologo Marco Orioles alla trasmissione “Incontriamoci a…” di Telepordenone.

Roma: arriva Rouhani, scompaiono le statue

Venerdì 29 gennaio 2016

25 gennaio 2016, il presidente iraniano Hassan Rouhani è in visita a Roma. Il premier Renzi lo porta ai Musei Capitolini, dove nel frattempo sono state occultate la Venere Esquilina e altre statue nude. Il mondo lo viene a sapere e scoppia lo scandalo. Che dilaga sui social. Questo video riepiloga i fatti. E la figuraccia globale del nostro Paese

Io ero Charlie

Sabato 09 gennaio 2016

Ecco alcuni brani dello spettacolo che ho scritto e rappresentato il 7 gennaio 2016, primo anniversario dell’attentato a Charlie Hebdo. Ho scelto di scrivere il monologo “Io ero Charlie” e di recitare in prima persona nel ruolo del direttore di Charlie Hebdo, “Charb”, perché sono fiero di essere europeo e sono preoccupato della minaccia che incombe sul Vecchio Continente. Che non è solo il terrorismo jihadista. La minaccia è rappresentata da coloro che non amano le nostre libertà e pretendono che vi rinunciamo. La libertà di espressione è sotto assedio dai tempi di Salman Rushdie e, con l’attentato di Parigi del 7 gennaio 2015, qualcuno ha voluto sopprimerla nel sangue. Noi abbiamo il dovere di far vivere per l’eternità il direttore di Charlie Hebdo, Stéphane Charbonnier, e i suoi colleghi periti in redazione sotto i colpi degli AK-47 dei fratelli Kouachi.